Ai sensi dell’art. 28, della legge 104, il contrassegno per il parcheggio disabili viene concesso in presenza di una capacità deambulatoria sensibilmente ridotta, riconosciuta dall’Asl ai fini della stessa legge.

Parcheggio disabili: Dove può essere utilizzato?

Il contrassegno per il parcheggio disabili permette, oltre alla libera circolazione nelle corsie dei mezzi pubblici, l’accesso alle zone di traffico limitato, mentre – come ha precisato la cassazione nella sentenza n. 19149/2006 – anche agli invalidi è vietato transitare nelle aree pedonali.

Il contrassegno per il parcheggio disabili, ha validità su tutto il territorio nazionale ed è valido per 5 anni. Per ottenere il rinnovo è sufficiente la presentazione di un certificato del medico curante, attestante il persistere delle condizioni che hanno dato luogo all’autorizzazione.

Parcheggio disabili: Invalido non in grado di guidare

Nel caso in cui un invalido non sia in grado di condurre in modo autonomo l’autovettura ha comunque il diritto al posto auto riservato, e ciò anche nel caso in cui il proprietario del veicolo sia diverso dall’invalido stesso. Lo spazio di sosta viene individuato da apposita segnaletica, indicante la targa del veicolo autorizzato ad usufruirne.

Il disabile che parcheggia in spazi delimitati da strisce blu perchè non ha trovato posto negli spazi ricettivi deve pagare il ticket come gli altri, Cass. Sent. n. 21271/2009.

I veicoli delle persone invalide che creano intralcio e pericolo alla circolazione generale possono essere spostati e posizionati in condizione di sicurezza, ma non rimossi dalla polizia stradale. Lo ha chiarito il Ministero dei trasporti con il parere n. 2656/2011.

Parcheggio disabili: Contrassegno Europeo che cos’è?

In base al Dpr n. 151/2012 è in vigore anche in Italia il contrassegno Europeo per il parcheggio disabili. Per un periodo transitorio di tre anni i permessi già rilasciati resteranno validi ma in sede di rinnovo dovrà essere rilasciato il nuovo modello.

Sul modello di colore azzurro chiaro (con il simbolo bianco della sedia a rotelle su fondo azzurro scuro), saranno trascritti e apposti la data di scadenza, il numero di serie e il nome e il timbro dell’autorità nazionale che rilascia il contrassegno e nella parte retrostante, non visibile, il nominativo e la fotografia del soggetto autorizzato.

Il nuovo contrassegno di parcheggio disabili viene rilasciato a chi abbia capacità di deambulazione sensibilmente ridotta o impedita. Dovrà essere esposto in originale nella parte anteriore del veicolo in modo che sia chiaramente visibile per i controlli.

Per quanto concerne l’assegnazione a titolo gratuito di uno spazio di sosta nei casi di particolare invalidità, nelle zone ad alta densita di traffico, non occorre più che il titolare del contrassegno sia abilitato alla guida e disponga di un autoveicolo, ma è necessario che l’interessato dimostri di non avere la disponibilità di uno spazio di sosta privato accessibile e fruibile.

Parcheggio disabili: Come richiederlo gratuitamente

In caso di possesso dei requisiti ricevere il contrassegno per il parcheggio disabili è molto semplice.

Il primo passo per ricevere il contrassegno è quello di essere muniti della certificazione attestante il grado di invalidità, rilasciata dall’Asl di competenza territoriale, quindi possedere un invalidità con una capacità di deambulazione impedita o sensibilmente ridotta, o cecità totale.

Una volta in possesso di tale documentazione va redatta apposita domanda da presentare al sindaco del comune di residenza, alla quale verrà allegata la certificazione medica.

Il rilascio del contrassegno è totalmente gratuito, solo in caso di infortuni o altre cause invalidanti che richiedono il temporaneo utilizzo del contrassegno per il parcheggio disabili, sono previsti determinati versamenti.

Una volta scaduto, il contrassegno per il parcheggio disabili può essere rinnovato nelle seguenti modalità:

  • Per la scadenza quinquennale occorre presentare, entro tre mesi successivi la scadenza, al comune di residenza apposita documentazione medica, rilasciata dal medico curante, che attesti il permanente stato di invalidità;
  • Per quanto concerne il contrassegno per gli invalidi temporanei, occorre presentare nuova documentazione medica rilasciata dall’Asl di competenza territoriale, che attesta nuovamente la presenza dei requisiti previsti per il rilascio del contrassegno per il parcheggio disabili.