Skip to content

Legge 68/99 come funziona?

Legge 68 99 categorie protette
19 Gennaio 2021
Condividi su
Ascolta il formato audio
Tempo di lettura 5 minuti

La legge 68/99 ha l’obiettivo di tutelare determinate categorie di lavoratori, che vengono riconosciuti nelle categorie protette, facilitandone l’entrata nel mondo del lavoro. Mediante agevolazioni fiscali, la legge obbliga quelle aziende con più di 15 dipendenti, ad assumere dei lavoratori  tutelati appunto della legge 68/99 e facenti parte delle categorie protette mediante il collocamento mirato.

Ma chi sono le categorie protette secondo la legge n. 68/99? Il termine è utilizzato prevalentemente per riferirsi alle persone disabili ma, in realtà, copre uno spettro di utenza molto più ampio e diversificato.

Analizziamo nel dettaglio la legge per capire meglio chi sono i beneficiari

Per approfondire l’argomento consulta il seguente volume

Legge 68/99 quali sono le categorie protette

La legge 68/99 disciplina come chiarito dall’articolo 1: La promozione dell’inserimento e dell’integrazione lavorativa delle persone disabili nel mondo del lavoro attraverso servizi di sostegno e di collocamento mirato”.

Chi sono i disabili che possono accedere alle categorie protette?  Il sostegno della legge 68/99 è garantito a:

  • gli invalidi civili con percentuale minima di invalidità pari o superiore al 46%;
  • gli invalidi del lavoro con percentuale minima di invalidità pari o superiore al 34%;
  • non vedenti (comprese anche le persone con residuo visivo non superiore a un decimo in entrambi gli occhi, anche con correzione di lenti);
  • non udenti (persone sorde dalla nascita o dall’età di apprendimento della lingua e la cui sordità non sia legata a motivi non fisici
  • gli invalidi di guerra, invalidi civili di guerra, invalidi di servizio.

Legge 68/99: quali sono le altre categorie protette?

Oltre ai disabili, la legge 68/99 considera categorie protette anche persone che vivono situazioni di disagio o svantaggio sociale. Tra i possibili beneficiari della legge rientrano anche:

  • gli orfani o congiunti superstiti di chi è deceduto per cause di lavoro, guerra o svolgendo una pubblica mansione (come le vittime della criminalità organizzata)
  • Figli o coniugi di chi è riconosciuto invalido per lavoro, guerra o servizio
  • Profughi italiani rimpatriati

Per favorire l’inserimento lavorativo di persone disabili o in svantaggio sociale,  la legge ha previsto l’istituzione di un organo che faccia da guida per gli appartenenti alle categorie protette nella ricerca del lavoro attraverso assistenza e tutorato.  Con l’aiuto del collocamento mirato chiunque può capire quali sono le mansioni che può svolgere in base alla sua condizione.

Questo organo  è inoltre tenuto ad assistere il lavoratore disabile in caso di problemi e difficoltà oggettive sul luogo di lavoro.

Come ci si iscrive alle categorie protette? Vediamolo insieme nel prossimo paragrafo.

Legge 68/99 cosa sono le assunzioni obbligatorie?

Come summenzionato, al fine di tutelare questa fascia di lavoratori, la legge impone alle aziende di riservare un certo numero di posti di lavoro alle categorie protette, numero che viene calcolato sulla base del numero di dipendenti attivi in azienda. 

Sostanzialmente la legge dispone che:

  • per aziende con più di 50 dipendenti vi è l’obbligo di assumerne il 7% provenienti dalle categorie protette (l’1% per i profughi, gli orfani e i coniugi di coloro che sono deceduti o risultano grandi invalidi per causa di lavoro, guerra o servizio e le vittime del terrorismo)
  • per le aziende che occupano dai 36 ai 50 dipendenti, vi è l’obbligo di assumere 2 lavoratori 
  • per le aziende che occupano dai 15 ai 36 dipendenti, vi è l’obbligo di assumere 1 lavoratore protetto dalla legge 68/99

Vi è la possibilità, per il datore di lavoro, di essere esonerato dall’obbligo di assunzione delle categorie protette, nel caso in cui l’azienda opera nei seguenti settori

  • edile
  • trasporto aereo, marittomo, terrestre: per il personale viaggiante/navigante
  • impianti a fune
  • minerario

Per il collocamento mirato dei congiunti vittime di guerra, terrorismo o criminalità organizzata, il superamento della quota di riserva fissata dalla legge all’1%, deve in ogni caso avvenire, per le pubbliche amministrazioni, nel rispetto dei limiti delle assunzioni consentite dalla normativa vigente per l’anno di riferimento. 

Le aziende, inoltre, devono inviare annualmente un report al 31 dicembre, riferito all’anno precedente, relativo al numero complessivo di lavoratori assunti o da assumere tutelati dalla legge 68/99.

Legge 68/99 che cos’è il collocamento mirato?

I lavoratori tutelati dalla legge 68/99, affinché possano essere assunti all’interno di un’azienda, devono effettuare l’iscrizione all’interno delle liste di collocamento mirato presso il centro per l’impiego di residenza.

Il collocamento mirato, infatti, è uno degli strumenti forniti dalla legge 68/99, il quale consente alle categorie protette, l’inserimento e l’integrazione lavorativa. 

È compito dei servizi di collocamento provinciali, quello di provvedere all’inserimento professionale delle categorie summenzionate che, mediante bandi riservati ai lavoratori iscritti al collocamento mirato, integrano gli stessi all’interno del sistema lavorativo.

Categorie protette: come iscriversi al collocamento mirato

L’iscrizione al collocamento mirato non avviene mai in maniera automatica. Prima di tutto, per potersi iscrivere al collocamento mirato bisogna accertare la propria disabilità.  Oltre al verbale che ne attesti la disabilità e relativa percentuale, chi desidera iscriversi al collocamento mirato dovrà sottoporsi ad una diagnosi funzionale.

Si tratta di una visita obbiettiva effettuata dall’ASL di appartenenza che chiarisce in maniera più dettagliata le capacità lavorative  della persona disabile.

Questo documento aiuterà il collocamento mirato a capire quali mansioni può effettivamente svolgere chi fa domanda di iscrizione.

Quindi, alle persone disabili che vogliano iscriversi al collocamento mirato occorre:

  • essere disoccupati
  • essere in possesso di un documento di identità valido
  • essere in possesso di un verbale di invalidità
  • essersi sottoposto ad una diagnosi funzionale che abbia dato esito positivo

Alle altre categorie basterà presentare un documento che ne attesti i prerequisiti

Una volta effettuata l’iscrizione non vi resta che aspettare: le assunzioni per categorie protette avvengono tramite chiamata nominativa

Per approfondire l’argomento consulta il seguente volume

Legge 68/99 obblighi e vantaggi per le aziende

Purtroppo nel nostro Paese a volte una semplice legge non basta. Per garantire agli appartenenti alle categorie protette il diritto al lavoro, la legislazione ha previsto per le aziende un obbligo di assunzione.

Il numero di persone da assumere cambia in base  alla grandezza dell’azienda. Ecco i numeri nel dettaglio

  • una persona appartenente alle categorie protette per aziende dai 15 ai 35 dipendenti;
  • almeno due persone appartenenti alle categorie protette se l’azienda ha tra i 36 e i 50 dipendenti;
  • il 7% del totale (a tempo indeterminato) dei lavoratori se l’azienda ha più di 50 dipendenti.

Possono essere considerati nella quota anche i lavoratori disabili assunti prima del raggiungimento del numero di dipendenti che facesse scattare l’obbligo., ma solo se la loro invalidità è pari almeno al 61%

In ogni legge sono previsti doveri ma anche diritti. Le aziende che assumono appartenenti alle categorie protette rispettando le norme riguardanti le quote possono beneficiare di importanti incentivi fiscali.  Ecco quali:

  • Chi assume lavoratori disabili capacità lavorativa ridotta ad una percentuale superiore al 79% ha diritto ad agevolazioni pari al 70% della retribuzione mensile lorda fino a 36 mesi
  • Chi assume persone la cui capacità lavorativa è ridotta per una percentuale compresa tra 67 e il 79 % avrà un incentivo pari al 35% della retribuzione mensile lorda fino a 36 mesi
  • Chi assume lavoratori con capacità ridotta fino al 45% ha diritto ad un incentivo pari al 70% della retribuzione lorda fino a  60 mesi.

Le aziende che non rispettano le norme sono tenute a pagare una sanzione.

Conclusioni

Come avete potuto notare, la legge 68/99 risulta completa e vantaggiosa per entrambe le parti in causa. Se fosse rispettata aiuterebbe sua le persone con disabilità, sia le aziende che si sentirebbero sollevate dagli oneri di una nuova assunzione. Valutare le persone come risorse in base alle loro capacità e non come un peso, dovrebbe essere il principio alla base di una società veramente civile.

Per approfondire l’argomento consulta il seguente volume

Se siete interessati ad approfondire questi temi, continuate a seguire Non Solo Pensioni.


CALCOLA LA TUA PERCENTUALE DI INVALIDITA’

Ricerca

INAIL

Iscriviti Alla Nostra Newsletter

Ricevi mensilmente nella tua mail tutti gli aggiornamenti su pensioni, invalidità civile, prestazioni a sostegno del reddito e tutto ciò che riguarda il comparto previdenziale e socio assistenziale.

Ti sei iscritto con successo alla Newsletter di Nonsolopensioni.it