Skip to content

Ecocert

che cos'è l'ecocert
2 Febbraio 2020
Condividi su
Ascolta il formato audio
Tempo di lettura 3 minuti

L’ECOCERT, riconosciuto anche come estratto conto certificativo, viene richiesto per verificare se la contribuzione presente nel comune eco (estratto conto) rappresenti esattamente gli anni di lavoro svolti dal soggetto richiedente.

Le differenze tra il comune estratto contributivo e l‘ECOCERT INPS, sono puramente di carattere “certificativo”.

Mentre il comune estratto conto, pur essendo un documento rilasciato dall’INPS, può essere mancante di alcuni dati contributivi inerenti alla posizione assicurativa, l’ECOCERT, viene elaborato mediante un processo di ricerca e analisi – da parte degli impiegati INPS – che assume carattere legale.

Questo processo di ricerca e analisi consente, nella maggior parte dei casi, di ottenere l’accredito da parte dell’INPS di contribuzione che, nel comune estratto contributivo, non era ancora stata considerata.

L’ECOCERT INPS, quindi, viene richiesto – nella maggior parte dei casi – dai lavoratori prossimi al pensionamento, con l’obiettivo di analizzare la propria posizione contributiva e sincerarsi che, quanto riportato all’interno dell’estratto contributivo corrisponda alla reale storicità contributiva del futuro pensionato.

Tale analisi dovrebbe essere effettuata da tutti i lavoratori in procinto di pensione onde evitare errori nel calcolo della prestazione pensionistica.

In questa breve guida ti illustreremo tutti i dettagli riguardanti il modello della certificazione “analitica” contributiva rilasciata dall’INPS, nonché estratto conto certificativo, che viene comunemente riconosciuto con l’acronimo ECOCERT, trattando i seguenti temi:

  • il suo utilizzo ai fini pensionistici
  • quando è opportuno richiederlo 
  • quali sono i tempi di attesa dell’ECOCERT INPS.

ECOCERT che cos’è?

L’ECOCERT è quel documento – avente valore legale – che va a certificare e attestare l’intera storicità contributiva del soggetto richiedente. A causa delle frammentazioni in diverse gestioni previdenziali accadute negli ultimi decenni, l’INPS, ha messo a disposizione del cittadino l’estratto contributivo integrato che consente la possibilità di riportare all’interno di un unico ECOCERT l’intera storicità contributiva versata nelle diverse gestioni.

L’ECOCERT integrativo certifica la contribuzione del soggetto richiedente che ha versato anche solo un contributo all’interno delle seguenti casse previdenziali:

  • AGO assicurazione generale obbligatoria
  • gestione pubblica
  • gestione separata
  • gestione Enpals

Oltre all’ECOCERT INPS, vi è un altro documento avente uguale carattere e funzione, l’ECOMAR.

L’ECOMAR è rivolto ai lavoratori marittimi e, oltre al fatto di rivolgersi esclusivamente a questa cassa previdenziale, è praticamente identico all’ECOCERT.

 

Quali sono i dati riportati nell’ECOCERT?

Una volta richiesto l’ECOCERT INPS, questo al suo interno presenterà una serie di dati suddivisi nel seguente modo:

  • Riepilogo sintetico della contribuzione (lavoro dipendente o assimilato, contribuzione figurativa) che terminerà con un conteggio totale dei contributi risalenti alla data attestante l’ultima contribuzione versata;
  • Riepilogo analitico dei periodi coperti da contribuzione previdenziale, con indicazioni delle settimane utili per il diritto e la misura della pensione, e le relative note.

Perché richiedere l’ECOCERT?

Avendo, il modello ECOCERT INPS, funzione certificativa, la richiesta appare sensata nei mesi che precedono il pensionamento.

Può accadere, infatti, che l’istituto previdenziale non possieda all’interno dei suoi archivi l’intera contribuzione del soggetto richiedente.

Questo accade, il più delle volte, per quelle posizioni contributive caratterizzate da una discontinuità dei versamenti contributivi in differenti casse previdenziali.

Per rendere più semplice il concetto poniamo l’esempio di un lavoratore che ha prestato attività lavorativa “subordinata” per 10 anni, per poi aprire una propria attività iniziando a versare presso le casse speciali dei lavoratori “autonomi”.

Essendoci in questo caso discontinuità della posizione contributiva, versata all’interno di diverse gestioni previdenziali, può accadere che, all’interno dell’eco (il comune estratto contributivo) non appaia l’intera carriera lavorativa.

L’ECOCERT pensione, quindi, ci da la certezza che l’istituto previdenziale tenga in considerazione l’intera contribuzione in possesso del soggetto richiedente, consigliamo di richiedere un modello

Allo stesso modo non ha senso richiedere l’estratto conto certificativo nel bel mezzo della propria carriera lavorativa, eccetto rare eccezioni, ma è, a parer nostro, assolutamente opportuno richiederlo alcuni mesi prima del pensionamento.

Questo aiuta a chiarire ogni dubbio rispetto alla propria posizione assicurativa e di come questa verrà utilizzata, nella sua interezza, per il calcolo del diritto e della misura della propria prestazione pensionistica.

 

Come posso richiedere l’ECOCERT?

Puoi richiedere l’ECOCERT in tre modi:

  • se in possesso di SPID (sistema di identificazione digitale) o pin cittadino, puoi farlo autonomamente accedendo al portale dell’INPS;
  • attraverso un centro CAF/patronato usufruendo di assistenza gratuita all’inoltro mediante un intermediario online come Nonsolopatronato.it

ECOCERT inps tempi di attesa

Per il rilascio dell’estratto conto certificativo, una volta effettuata apposita domanda, l’istituto previdenziale – secondo la legge n. 241 del 1990 – ha a disposizione 55 giorni di tempo per emettere la certificazione.

Qualora allo scadere dei 55 giorni, non pervenisse alcuna comunicazione, si può inviare apposito sollecito mediante pec presso l’istituto INPS di competenza territoriale.

ECOCERT INPS facsimile

Riportiamo di seguito, a titolo puramente d’esempio, un immagine ritraente il modello ECOCERT, in modo tale da chiarire le differenze con il comune eco (estratto contributivo).

modello ecocert

 

Come richiedere ECOCERT INPS online?

Per richiedere l’ECOCERT INPS online sarà suffIciente essere in possesso di pin cittadino o spid (servizio di identità digitale) e connettersi al portale dell’istituto previdenziale Inps.

A tal proposito, noi di nonsolopensioni.it, abbiamo elaborato un tutorial video con lo scopo di mostrarti tutti i passaggi da effettuare, all’interno del portale telematico dell’istituto di previdenza, per richiedere il tuo ECOCERT INPS online.

Buona visione!

Ricerca

INAIL

Iscriviti Alla Nostra Newsletter

Ricevi mensilmente nella tua mail tutti gli aggiornamenti su pensioni, invalidità civile, prestazioni a sostegno del reddito e tutto ciò che riguarda il comparto previdenziale e socio assistenziale.

Ti sei iscritto con successo alla Newsletter di Nonsolopensioni.it