Pensione in Bulgaria

pensionati italiani in Bulgaria (1)
Tempo di lettura 4 minuti

Godersi la propria pensione in Bulgaria?

Nel 2018 la Bulgaria è stata designata la meta più gettonata dai pensionati Italiani che, insieme al Portogallo, rappresenta la panacea per chi possiede un reddito pensionistico medio/basso ma allo stesso tempo non vuole rinunciare a godere dei piaceri della vita una volta raggiunta la quiescenza, e quindi decide di trasferire la propria pensione in Bulgaria.

I pensionati in Bulgaria, specialmente quelli provenienti da paesi esteri, hanno la possibilità di godere di un tenore di vita abbastanza elevato, rispetto a quello degli standard Europei.

Infatti, se ci pensiamo, lo stipendio medio in Bulgaria è di circa 400 €, mentre le pensioni arrivano a toccare una media di circa 150 €.

Ovviamente, per i pensionati bulgari, non deve essere facile vivere con soli 150 € al mese, ma allo stesso tempo il basso costo della vita consente, anche con questa cifra, di mantenere una vita al limite della dignità.

Questo ci porta alla conclusione che, inevitabilmente, i pensionati in Bulgaria provenienti da paesi esteri, come nel nostro caso l’Italia, che percepiscono pensioni anche minime di 500 € al mese, con tale importo, paragonato alla media degli importi pensionistici nazionali e al costo della vita, possono vivere una vita più che dignitosa, concedendosi innumerevoli piaceri che, in Italia con una pensione minima, non sarebbe possibile concedersi.

Se vi aggiungiamo anche che la pensione in Bulgaria non viene tassata, eliminiamo definitivamente tutti i dubbi rispetto a come vivono i pensionati in Bulgaria.

Ancora oggi un repentino trasferimento all’estero da parte dei nostri nonni, viene percepito come un qualcosa di lontano e irreale, come se fosse un progetto difficile da attuare, soprattutto in una fase della vita dove, forse, le radici con il proprio paese sono fin troppo radicate e difficili da estirpare.

E’ lo stesso Inps a smentire ogni dubbio frutto di pregiudizi legati al passato infatti, secondo le stime dell’istituto nazionale della previdenza sociale, il numero di pensionati Italiani che decidono di trasferire la propria pensione all’estero è in aumento del 131%.

Quindi ipotesi e supposizioni vengono prontamente smentite dai dati, i quali ci forniscono diversi spunti di riflessione, che potrebbero benissimo andare a toccare tematiche di natura sociopolitica, ma non è questo ne il luogo ne il contesto adatto nel quale intraprendere una discussione politica, andiamo piuttosto a capire quali potrebbero essere i vantaggi di trasferire la propria pensione in Bulgaria.


Bulgaria costo della vita

Iniziamo con il delineare una delle principali motivazioni che spingono i nostri nonni a trasferire la propria pensione in Bulgaria ovvero il costo della vita.

Si è calcolato che con una pensione di 1.738 € al mese in Bulgaria si può mantenere un tenore di vita pari a quello che si manterrebbe in Italia con una pensione di 3.900 €.

La valuta nazionale è rappresentata dal LEV che è suddiviso in 100 Stotinki, e ad oggi 1 euro vale circa 1, 96 LEV.

Un altro dato interessante proveniente dal rapporto del Mercer cost of Living, il quale stila ogni anno una classifica delle città, dalla più costosa alla meno costosa, riporta Sofia (capitale della Bulgaria) come 177a città su 208, facendola rientrare tra le città con un costo della vita tra i più bassi al mondo.


Quanto costano gli alloggi in Bulgaria?

Il costo medio degli alloggi in Bulgaria, prendendo come riferimento un appartamento con tre stanze, è di circa 430 €.

E’ opportuno puntualizzare che questo può subire delle oscillazioni a seconda delle zone all’interno delle quali si desidera soggiornare ovvero, se ci si allontana dal centro urbano i prezzi degli affitti potrebbero subire ulteriori diminuzioni, allo stesso modo di come potrebbero aumentare qualora ci si avvicinasse.


Costo del cibo e dell’intrattenimento

In riferimento al costo del cibo, rispetto a tutte le altre mete Europee,  la Bulgaria è la più economica:

  • Un pasto per una persona fuori dalla capitale potrebbe costare all’incirca 7 €;
  • Una cena per due persone in un ristorante di fascia media all’incirca 25 €;
  • Birra importata (0,33 Lt) circa 1,53 €;
  • 12 uova circa 1,50 €;
  • Un kg di banane circa 1,27 €;
  • Un Kg di mele circa 0,99 €.

Per quanto riguarda il costo dei trasporti, in questo caso prendiamo in esame Sofia (la capitale), la quale è ben fornita di bus e metropolitana, un biglietto di sola andata costa circa 0,60 € e la tessera mensile 25 €.


Quante tasse pagherò sulla mia pensione in Bulgaria?

Ovviamente il costo della vita non è l’unico motivo che spinge i nostri pensionati a trasferire la propria pensione in Bulgaria.

Infatti anche in questo caso, come in Portogallo e Tunisia, vige un accordo bilaterale con il nostro paese ovvero, i pensionati che decideranno di trasferirsi in Bulgaria non saranno soggetti a doppia tassazione e quindi avranno la possibilità di pagare le tasse secondo il sistema legislativo nel paese all’interno il quale hanno deciso di stabilire la propria residenza fiscale.

Appare ovvio che, per beneficiare delle agevolazioni fiscali, il pensionato dovrà trasferire, e quindi vivere stabilmente, la propria residenza fiscale per almeno 6 mesi e un giorno all’anno.

In Bulgaria, attualmente, vige la ftat tax unica al 10% che è andata a sostituire la tassazione scaglionata su aliquote progressive in base al reddito (20%, 22%, 24%), quindi i nostri pensionati saranno soggetti ad una tassazione del solo 10%.

Ricapitolando i vantaggio di trasferire la propria pensione in Bulgaria sono i seguenti:

  • Costo della vita tra i più bassi al mondo;
  • Tassazione agevolata al 10%.

Occorre, a questo punto, elencare la sola difficoltà che potrebbero incontrare i nostri nonni nella loro nuova vita in Bulgaria.

L’unica difficoltà che ci appare degna di nota è quella della lingua, in Bulgaria si parla il bulgaro, ma il problema più rilevante è che sono poche le persone (comprese le istituzioni e le attività ricettive) che parlano l’inglese.

Post consigliati